Trucchi e barbatrucchi

Conservare le patate

Le patate vanno conservare in un ambiente fresco, asciutto e buio: in questo modo si rallenta la formazione dei germogli. Inoltre la luce  facilita la formazione della clorofilla e la patata assume un colore verde, diventando dannosa per la salute. Si possono conservare per due o tre settimane se la temperatura è di 10-15 °C, per alcuni mesi se non supera i 7 °C. Evitate di tenerle in frigorifero: il freddo trasforma parte dell'amido in zucchero che dà un sapore sgradevole e causa un annerimento


Leggi tutti i barbatrucchi

Amici

Ricette di cucina

Ricette a quadretti Akkiappato da Akkiapparicette

ricette di cucina

Stomatico, biscotti della tradizione

In: Pasticceria|Ricette by , 11 Giu 2012 Invia questo post This page as PDFStampa questo post

biscotti calabresi

Lo stomatico è un dolce calabrese, diffuso in particolare in provincia di Reggio Calabria. Secondo Wikipedia il termine deriva da stomachico, cioè “buono allo stomaco”; per tradizione infatti questo dolce è servito a fine pasto assieme a dei vini dolci liquorosi per facilitare la digestione. Oltre a essere davvero molto buono, è anche leggero e non particolarmente grasso!

N. porzioni: 50 pezzi

Tempo: 45 min

Ingredienti

  • 1 kg farina
  • 450 gr zucchero
  • 300 gr mandorle tritate grossolanamente
  • 5 cucchiai olio
  • 1 uovo
  • 1 bs ammoniaca per dolci
  • 1 bicchiere acqua bollente
  • chiodi di garofano macinati e cannella

Istruzioni

  1. Prendere 120 gr di zucchero, metterlo in una padella e farlo sciogliere fino a quando avrà acquistato un colore marrone bruciato (mia nonna lo chiama color “mantello di monaco”); togliere dal fuoco, aggiungere 1 bicchiere di acqua bollente e mescolare.
  2. Intanto porre in un capace contenitore la farina, l’olio, lo zucchero rimasto, l’uovo, le spezie, lo zucchero bruciato, le mandorle e infine l’ammoniaca sciolta in un poco di acqua (è normale avvertire un odore pungente, anche quando lo stomatico sarà in forno: scomparirà non appena il dolce sarà cotto).
  3. Mescolare con cura, facendo attenzione che l’impasto rimanga morbido, eventualmente aggiungendo un po’ di acqua.
  4. Ungere una teglia grande e ricoprire con circa metà impasto, che deve essere basso perché gonfierà molto durante la cottura.
  5. Infornare a 180° per circa 20 minuti; quindi togliere dal forno e tagliare con un coltello affilato, ottenendo dei piccoli rombi o rettangoli.
  6. Rimettere ad asciugare in forno ventilato a 100° per una decina circa di minuti e procedere in maniera analoga con la seconda metà di impasto.

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed per i commenti di questo post. TrackBack URL

Leave a comment




Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar