Trucchi e barbatrucchi

Scegliere un buon melone

Un melone dolce e gustoso deve avere un bel colore giallastro e non deve produrre alcun suono se picchiettato. Deve emettere il caratteristico odore dolce, che però non deve essere troppo intenso. Le estremità devono essere inoltre morbide al tatto.


Leggi tutti i barbatrucchi

Amici

Ricette di cucina

Ricette a quadretti Akkiappato da Akkiapparicette

ricette di cucina

Chiuso il capitolo delle ricette realizzate al cooking lab di California Bakery (qui, qui e qui), faccio un passo indietro…

Precisamente torno all’ultima settimana di gennaio quando, con tante amiche, abbiamo organizzato il baby shower in onore di Agata e della sua futura mamma Irene! (Continua…)

Dopo i muffins salati e i brownies alle prugne, ecco l’ultima ricetta realizzata durante il cooking lab da California Bakery a Milano.

In verità abbiamo preparato anche la versione dolce degli scones, arricchiti con mirtilli rossi disidratati, e dei muffins dolci (con zucca e gocce di cioccolato) ma posterò le ricette più avanti. (Continua…)

Nel post precedente parlavo della mia bellissima esperienza al cooking lab tenuto da California Bakery a Milano e oggi pubblico un’altra delle ricette che abbiamo preparato durante il corso.

Si tratta di una variante dei classici brownies americani, che prevede l’aggiunta di prugne secche denocciolate al composto di cioccolato che, solitamente, viene arricchito con noci, nocciole o pistacchi.

Come nel caso dei muffins, anche i brownies devono essere lavorati il meno possibile per ottenere la migliore riuscita di questi dolcetti, che devono rimanere umidi internamente ma con una crosticina croccante in superficie.

Se non amate le prugne e volete cimentarvi con la ricetta originale, potete trovarla nel libro “California Bakery – I dolci dell’America” pubblicato da Guido Tommasi Editore (in vendita qui). (Continua…)

Qualche settimana fa, in questo post, scrivevo di essermi appena iscritta ad un corso di cucina nello store California Bakery in Piazza San Simpliciano a Milano e che vi avrei fatto sapere la mia opinione a riguardo subito dopo… quindi eccomi qui!

Il mio weekend milanese è stato grigio e piovoso ma il cooking lab che ho seguito ha ripagato pienamente i piedi inzuppati e il conseguente raffreddore fulminante.

Il laboratorio al quale mi sono iscritta fa parte dell’iniziativa Autunno americano, promossa dal Comune di Milano per il semestre dedicato alla cultura degli Stati Uniti fra gli anni ’50 e ’70.

Si tratta di una serie di eventi legati alla promozione della cultura gastronomica americana, declinata attraverso l’organizzazione di eventi, degustazioni, laboratori ed un vero e proprio master sulla cucina made in Usa, diviso in quattro appuntamenti. Io ho partecipato solo all’ultimo incontro, dal titolo Traditional Pastry Master, dedicato alla preparazione di scones, muffins e brownies. (Continua…)

Dopo tanti dolci e biscotti, forse è il caso di tornare a qualcosa di salato!

Questa è una ricetta di quelle che piacciono a me: veloci da realizzare, sfiziose e perfette come aperitivo, antipasto o anche piatto unico se accompagnate da un’insalatina di rinforzo.

Avevo giusto un rotolo di pasta brisée da consumare, degli ottimi pomodori secchi sott’olio in dispensa da qualche mese ed un nuovo libro di ricette da sperimentare (questo)… quindi via con le mini quiche! (Continua…)

Nel post precedente (quello sui frollini al caffè) avevo preannunciato questa ricetta, che ho preparato in occasione del cookie swap party organizzato a casa mia per la Befana.

Avevo visto questi biscottini sul penultimo numero di Sale&pepe e mi boccioli di rosa e l’acqua di rose. Devo dire che trovare queste due cose non è stato facilissimo ma, alla fine, mi sono rivolta ad una erboristeria e ad una drogheria molto fornite e ecco qua il risultato!

I biscotti sono delicatissimi, sia dal punto di vista estetico che per il loro gusto, e li trovo perfetti da gustare durante un tè tra amiche o magari per un babyshower in rosa. (Continua…)

Con questo post saluto, a malincuore, le feste natalizie… ma non di sicuro le ricette di biscotti!

Amo cucinare biscotti perchè è un modo di sperimentare ricette nuove che non richiedono troppo impegno, nè in termini di tempo di preparazione nè di calorie assorbite mangiandoli…

Amo anche creare nuove tradioni, le mie, da rispettare ogni anno e il cookie swap party è una di queste!

E’ ormai il terzo anno, coinciso con l’andare a vivere con Andrea, che invito a casa tanti amici per festeggiare la Befana scambiandoci dolci e biscotti, preparati rigorosamente in casa.

Piuttosto che riempire le tradizionali calze con dolciumi industriali, credo che questo sia un modo carino per stare insieme, mangiare senza farsi troppo del male con conservanti e simili e salutare insieme il periodo di Natale. (Continua…)

ph Instagram

Con questa ricetta forse non sono in ritardo, per una volta!

In verità ho preparato i biscotti al pan di zenzero (spesso chiamati  gingerbread all’inglese o pepparkakor come in Svezia) prima di Natale, come regalo ad alcuni amici, ed il risultato mi è talmente piaciuto che ho già in programma una nuova infornata nei prossimi giorni, magari per festeggiare l’Epifania.

Non avevo mai sperimentato questa ricetta perchè non amo i biscotti speziati e, in genere, non preparo mai cose che poi non mangio… altrimenti che gusto c’è a spignattare in cucina??

Alla fine ho deciso di eliminare i chiodi di garofano e la noce moscata dagli ingredienti perchè proprio non li sopporto e lasciare invece le altre spezie previste dalla ricetta, ovvero zenzero e cannella.

Per la decorazione invece ho scelto degli zuccherini argentati (in foto però non ci sono..), alternati ad una semplice glassa a base di zucchero a velo ed albumi. (Continua…)

Mi dispiace arrivare un pochino in ritardo con questo post (strano, non mi capita mai!) perchè è un’idea carina e di facile realizzazione che sarebbe stata perfetta come regalo di Natale

Ed in effetti queste scatolette di cioccolatini sono state il regalo che io ho fatto ai miei parenti, riuniti per il classico cenone della vigilia a casa della zia.

Sono ormai tre anni che scelgo di realizzare regalini golosi e rigorosamente home made e, me lo dico da sola, ogni anno miglioro un po’ sia nella presentazione che nel gusto!

Per questo Natale ho deciso di preparare una varietà di cioccolatini per tutti i gusti, confezionati poi in queste scatolette decorate con nastri, cannella, arance essiccate, rami di abete o tutto ciò che avete in casa in questo periodo dell’anno. (Continua…)

Buon Natale!

In: Pasticceria|Ricette by , 25 Dic 2013

 

Questo panettone qui sopra l’ho fatto io.

Era dall’anno scorso che mi volevo cimentare in questa impresa ma devo dire che l’esperimento, purtroppo, è riuscito solo a metà.

Il panettone è lievitato ed è anche rimasto morbido per diversi giorni ma… sapeva di lievito di birra. Lo confesso, ho utilizzato il classico lievito comprato al supermercato per prepararlo (quindi in realtà non si tratta nemmeno di un vero panettone…) e quindi non potevo aspettarmi di più.

Purtroppo non ho un buon rapporto con la pasta madre: l’unica volta che è entrata nel mio frigo, ne è anche uscita piuttosto velocemente! E, senza di lei, i grandi lievitati proprio non si riescono a realizzare.

Vedremo se, fino al prossimo Natale, avrò voglia di impegnarmi seriamente nella realizzazione del “vero” panettone e troverò una ricetta che valga la pena di pubblicare sul blog.

Per ora vado a mangiare una fetta di quello comprato dalla Pasticceria Giotto del carcere di Padova e auguro buone feste a tutti!