Trucchi e barbatrucchi

Conservare il lievito di birra

Per meglio conservare il lievito di birra nel frigorifero (spesso ammuffisce anche prima della data di scadenza) basta avvolgerlo nella pellicola.


Leggi tutti i barbatrucchi

Amici

Ricette di cucina

Ricette a quadretti Akkiappato da Akkiapparicette

ricette di cucina

Patate duchessa

In: Contorni|Ricette by , 11 Mag 2010

Sono un contorno tipico di origine francese, chiamate pommes duchesse in francese,  semplice da realizzare , che gratifica oltre al palato anche l’occhio, grazie alla forma elicoidale che riuslta molto decorativa

N. porzioni: 4

Tempo: 60 min

Ingredienti

  • 600 gr di patate
  • 2 tuorli + 1 per l’eventuale lucidatura
  • 30 gr di burro
  • 2 cucchiai di grana ( facoltativo)
  • sale e pepe
  • noce moscata

Preparazione

  1. Lessate al dente le patate in acqua salata, fatele raffreddare poi sbucciatele e passatele allo schiacciapatate.
  2. Unite il burro a fiocchetti e, dopo qualche minuto i 2 tuorli, amalgamando bene
  3. Aggiungete una buona grattugiata di noce moscata, eventualmente il grana, regolate di sale e pepe.
  4. Con un sac à poche a bocchetta stellata formate dei cumuletti distanziati fra loro di qualche cm ( durante la cottura gonfiano) che metterete su una teglia foderata con carta forno.
  5. Cuocete in forno a 200° per circa 12-15 minuti, o comunque fino alla doratura.

Note

Se le volete più lucide prima di infornarle spennellatele con un tuorlo emulsionato con un pò d’acqua ( io ho omesso questo passaggio).

Crepes

In: Pasticceria|Ricette by , 11 Mag 2010

Et voilà!

N. porzioni: 6

Tempo: 60 min

Ingredienti

  • 250 gr di farina fiore
  • 3 uova
  • 250 ml di latte
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • 1/2 cucchiaino di sale

Preparazione

  1. Sbattere le uova in una terrina con lo zucchero e aggiungere lentamente la farina insieme all’olio, il sale e un po’ di latte.
  2. Lavorare l’impasto diluendo con il latte restante.
  3. Lasciare riposare per un’ora prima della cottura

Dalla cucina altoatesina

N. porzioni: 4

Tempo: 60 min

Ingredienti

  • 300 gr di pane raffermo
  • 1 bicchiere di latte
  • 800 gr di spinaci (crudi)
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cipolla
  • 2 uova
  • 30 gr di burro
  • Sale
  • Pepe
  • Noce moscata
  • 1 cucchiaio di farina fiore
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • Burro
  • Salvia
  • Parmigiano

Preparazione

  1. Tagliare il pane a dadini, bagnare con il latte tiepido quanto occorre.
  2. Lavare gli spinaci e farli lesare in acqua salata. Scolarli, strizzarli bene e passarli
  3. Fondere il burro, soffriggervi brevemente l’aglio e la cipolla tritata, aggiungere gli spinaci e lasciarli insaporire per 5 minuti a fuoco lento.
  4. Aggiungere le uova e gli spinaci al pane, mescolare bene ed aromatizzare con sale, pepe e noce moscata. Aggiungere il pangrattato e la farina.
  5. Con il composto così ottenuto formate 12 piccoli canederli e fateli bollire lentamente in acqua salata per 15 minuti circa.
  6. Prima di servire cospargete i canederli con parmigiano, burro e salvia.

N. porzioni: 4

Tempo: 60 min

Ingredienti

  • 200 gr di pane raffermo
  • 150 gr di farina fiore
  • 200 gr di spinaci già lessati
  • 2 uova
  • Noce moscata
  • Sale
  • Pepe
  • Burro
  • Salvia
  • Parmigiano

Preparazione

  1. Bollire un litro d’acqua, sminuzzare il pane e porlo in una ciotola con l’acqua bollente. Coprire la ciotola con un piatto, appoggiarvi un peso e lasciare riposare per 12 ore.
  2. Strizzare il pane, unirvi gli spinaci lessati, le uova, la farina, la noce moscata, sale e pepe. Mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo.
  3. Formare con l’impasto degli gnocchi e versarli in acqua bollente. Cuocere per 5 minuti.
  4. Condire con burro fuso, salvia e parmigiano.

Per realizzare questo dolce non è necessario pesare gli ingredienti: l’unità di misura è il vasetto di yogurt. Questo si rivela utile soprattutto se si decide di prepararlo in trasferta, senza avere una bilancia a disposizione. (Continua…)

Un dolce elaborato che stuzzica il palato.

N. porzioni: 8

Tempo: 90 min

Ingredienti

Pasta

  • 200 gr di farina fiore
  • 2 cucchiai di fecola di patate
  • 100 gr di burro
  • 75 gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di lievito chimico


Crema1

  • 250 gr ricotta
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 uova
  • raspatura di limone


Crema2

  • 1 uovo
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 1 cucchiaio di fecola di patate
  • 1 dl di latte
  • sale

Preparazione

  1. Preparare la pastafrolla mescolando le farine, il burro, lo zucchero e l’uovo.
  2. Preparare la crema2 mescolando l’uovo, lo zucchero, il sale, la fecola, il latte e fare bollire per 2 minuti.
  3. Sbattere in una terrina i tuorli con lo zucchero, aggiungere la ricotta stemperandola bene, il limone, gli albumi montati a neve e la crema precedentemente preparata, mescolando bene il tutto.
  4. Versare il composto sulla frolla precedentemente preparata su una tortiera.
  5. Cuocere per 45 minuti a forno moderato.

Baci di Dama

In: Pasticceria|Ricette by , 10 Mag 2010

Deliziosi pasticcini di pastafrolla alla nocciola ripieni di crema al cioccolato

N. porzioni: 6

Tempo: 60 min

Ingredienti

  • 50 gr di farina fiore
  • 30 gr di mandorle sgusciate
  • 30 gr di nocciole sgusciate
  • 50 gr di zucchero
  • 50 gr di burro
  • Sale
  • 1 bustina di vanillina
  • 50 gr di cioccolato fondente

Instruzioni

  1. Lavorare lo zucchero con il burro ammorbidito a temperatura ambiente.
  2. Unire le mandorle e le nocciole precedentemente tritate, il sale, la vanillina ed infine la farina.
  3. Lavorare l’impasto con le mani eporlo in frigorifero per 4 ore.
  4. Formare delle palline con l’impasto e porle su una teglia precedentemente preparata.
  5. Cucinare per circa 20 minuti in forno a 170°.
  6. Sciogliere il cioccolato a bagnomaria metterne una piccola quantità su ogni semisfera, unendone due insieme.


Dopo esservi accomodati sui tavolacci di questa trattoria bolognese vedrete arrivare la vecchia proprietaria che con modi un po’ rudi vi chiederà “Che cosa facciamo?”.

A quel punto vi consiglio di chiedere l’Accoppiata (gramigna con sugo di salsiccia e cappellacci ricotta e spinaci).  Se ritenete di avere ancora più fame il Trittico fa per voi.

Imperdibile la coppetta al mascarpone finale (con un Togo evergreen affondato nella crema).

Il vino della casa è invece poco raccomandato (un rosso frizzantino dal sapore poco determinato).