Trucchi e barbatrucchi

Conservare il lievito di birra

Per meglio conservare il lievito di birra nel frigorifero (spesso ammuffisce anche prima della data di scadenza) basta avvolgerlo nella pellicola.


Leggi tutti i barbatrucchi

Amici

Ricette di cucina

Ricette a quadretti Akkiappato da Akkiapparicette

ricette di cucina

La sbrisolona sbriciolata

In: Pasticceria|Ricette by , 23 Gen 2012 Invia questo post This page as PDFStampa questo post

sbrisolona
La sbrisolona sbriciolata, 4.0 out of 5 based on 1 rating

Ieri mi sono cimentata con un dolce che amo molto, tipico della città di Mantova ma prodotto anche in Emilia Romagna e in Veneto (dove però viene chiamata rosegotta): la sbrisolona. Si tratta di un dolce antico, la cui ricetta risale al 1600, e di origini contadine, poichè venivano utilizzate materie prime povere, come lo strutto e la farina di mais. Col passare degli anni, la ricetta è diventata via via più raffinata ma senza perdere le sue caratteristiche di dolce friabile (i puristi dicono che non si deve assolutamente tagliare ma spezzare con le mani) e molto ricco di ingredienti calorici.

Io ho utilizzato la ricetta tratta dal libro “Croissant e biscotti” del pasticcere Luca Montersino, che prevede l’utilizzo di farina di riso al posto della classica 00.

N. porzioni: 12

Tempo: 80min

Ingredienti

  • 435 gr farina di riso
  • 125 gr farina mais giallo
  • 225 gr zucchero di canna
  • 310 gr burro
  • 60 gr tuorli
  • 150 gr mandorle non pelate
  • 8 gr lievito in polvere
  • 35 gr acqua
  • 40 gr mandorle non pelate ammollate (per decorare)

Istruzioni

  1. Tritare le mandorle grossolanamente.
  2. Trasferire le mandorle in una terrina e mescolarle con le due farine, lo zucchero ed il lievito.
  3. Incorporare il burro ammorbidito, i tuorli e l’acqua e impastare con le mani molto velocemente senza lavorare troppo (il composto deve rimanere granuloso).
  4. Imburrare ed infarinare 12 mini tortiere e riempirle fino a 3/4, spargendo il composto con le mani.
  5. Guarnire la superficie con le mandorle ammollate in acqua e cuocere per 35 minuti a 170° in forno già caldo.

Note

Volendo utilizzare una tortiera grande al posto di quelle mono porzione, bisogna calcolare circa 50 minuti di cottura.

PS Alla fine la mia sbrisolona è risultata fin troppo sbriciolata. Probabilmente ho sbagliato a tritare troppo finemente le mandorle (che risultavano come una farina) e ho sgranato eccessivamente il composto con le mani. Però era buona lo stesso!

(3) commenti »

  1. Custom avatar

    Commento by Il grappino del pinguino
    23 gennaio 2012

    Dalle mie parti si chiama anche fregolotta e viene innaffiata di grappa. Botta di vita!

  2. Custom avatar

    Commento by Boffi
    24 gennaio 2012

    Confermo: è venuta molto sbriciolata, ma veramente buona!

  3. Pingback by Fregolotta | Ricette a quadretti
    15 maggio 2012

    […] che deriva il suo nome da “fregola” o briciola. Questo dolce è molto simile alla sbrisolona, di origine mantovana, che però, a differenza della fregolotta, contiene della farina di […]

RSS feed per i commenti di questo post. TrackBack URL

Leave a comment




Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar