Trucchi e barbatrucchi

Come capire se l’olio è a temperatura giusta

Dovete friggere ma non sapete se l'olio è abbastanza caldo? Basta immergere uno stecchino nell'olio e, se tutto intorno si formano delle bollicine, procedete con la frittura.


Leggi tutti i barbatrucchi

Amici

Ricette di cucina

Ricette a quadretti Akkiappato da Akkiapparicette

ricette di cucina

La galette des rois ritardataria…

In: Dal mondo|Pasticceria|Ricette by , 8 Gen 2013 Invia questo post This page as PDFStampa questo post

galette des rois

La galette des Rois è il dolce che i francesi preparano tradizionalmente per l’Epifania, giorno in cui si festeggia appunto l’arrivo dei Re Magi. Si tratta di una torta di pasta sfoglia ripiena di crema frangipane all’interno della quale viene nascosta la fève, letteralmente una fava, che però viene spesso sostituita da un oggettino di porcellana (nel mio caso ho usato una nocciola!). Chi trova la fève addentando la torta, verrà incoronato re per il resto della giornata.

La consuetudine vuole che il dolce venga tagliato in tante fette quanti sono i commensali ed il più giovane della compagnia decida a chi assegnare le fette, in attesa del fortunato re che potrà indossare la corona preparata appositamente per l’occasione.

Per quest’anno io ho deciso di prendere una scorciatoia e usare la classica pastafrolla (qui e qui), farcita poi con una crema preparata lavorando 90 gr di burro morbido con 90 gr di zucchero, i semi di mezzo baccello di vaniglia, 1 uovo, 2 cucchiai di rhum e 120 gr di farina di mandorle. Ma l’anno prossimo mi ripropongo di cucinare una galette des Rois secondo tutti i crismi, con tanto di pate feuilletée inversée come mi insegnano Cavoletto di Bruxelles e Mercotte!

 

La foto è stata scattata con Instagram

(3) commenti »

  1. Custom avatar

    Commento by Erika
    28 gennaio 2013

    Ciaoo…provata anche questa!! buonaaaaaa grazie

  2. Custom avatar

    Commento by guia
    28 gennaio 2013

    Grazie! Sei la nostra maggiore estimatrice…

  3. Pingback by Di porri, zuppe e pioggia ovvero il potage parmentier | Ricette a quadretti
    21 aprile 2013

    […] so se si è capito ma io amo Francia, francesi e cucina d’oltralpe (come testimoniano questa ricetta e quest’altra!). Amo anche i porri ma l’ho scoperto un po’ per caso, da […]

RSS feed per i commenti di questo post. TrackBack URL

Leave a comment




Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar