Trucchi e barbatrucchi

Sbucciare le uova sode con facilità

Le uova devono essere a temperatura ambiente perché non si rompano quando immerse nell'acqua. Fare bollire l'acqua e poi immergere le uova facendole bollire per 8 minuti. Lasciatele nell'acqua bollente per altri 2 minuti a fuoco spento quindi raffreddate sotto il rubinetto con acqua fredda e sbucciatele:  il guscio si toglierà con facilità e senza intaccare l'albume.


Leggi tutti i barbatrucchi

Amici

Ricette di cucina

Ricette a quadretti Akkiappato da Akkiapparicette

ricette di cucina

Cooking Lab @ California Bakery

In: Segnalazioni gustose by , 3 Feb 2014 Invia questo post This page as PDFStampa questo post

cb muffins prosciutto emmental

Qualche settimana fa, in questo post, scrivevo di essermi appena iscritta ad un corso di cucina nello store California Bakery in Piazza San Simpliciano a Milano e che vi avrei fatto sapere la mia opinione a riguardo subito dopo… quindi eccomi qui!

Il mio weekend milanese è stato grigio e piovoso ma il cooking lab che ho seguito ha ripagato pienamente i piedi inzuppati e il conseguente raffreddore fulminante.

Il laboratorio al quale mi sono iscritta fa parte dell’iniziativa Autunno americano, promossa dal Comune di Milano per il semestre dedicato alla cultura degli Stati Uniti fra gli anni ’50 e ’70.

Si tratta di una serie di eventi legati alla promozione della cultura gastronomica americana, declinata attraverso l’organizzazione di eventi, degustazioni, laboratori ed un vero e proprio master sulla cucina made in Usa, diviso in quattro appuntamenti. Io ho partecipato solo all’ultimo incontro, dal titolo Traditional Pastry Master, dedicato alla preparazione di scones, muffins e brownies.

Il corso è durato dalle 11 alle 18 di domenica, ore durante le quali abbiamo portato a termine ben cinque diverse preparazioni, dolci e salate. Ogni partecipante aveva la sua postazione e ha potuto eseguire le ricette dal principio alla fine, portando a casa tutto ciò che aveva cucinato per farlo assaggiare a parenti e amici! Il tutto intervallato da una pausa per il lunch con due squisite quiches ed un coffee break deliziato dalla torta double chocolate

Dire che sono stata entusiasta della giornata è dire poco!

Mi è piaciuto tutto: dalla location nel cuore della “vecchia” Milano al laboratorio attrezzato come una vera cucina professionale; dalla gentilezza e professionalità delle insegnanti e delle assistenti alle prelibatezze che ci hanno offerto; dall’atmosfera rilassata ma produttiva che si respirava durante il corso al profumo di tutto ciò che veniva sfornato e che abbiamo cucinato con le nostre mani!

Insomma, un’esperienza assolutamente da ripetere e consigliare a tutti, amanti della cucina americana o meno.

E infine ecco la prima ricetta ma, nei prossimi giorni, ne arriveranno altre!

Muffins al prosciutto cotto ed emmenthal

N. porzioni: 6

Tempo: 40 min

Ingredienti

  • 150 gr farina 00
  • un pizzico sale
  • 1 teaspoon lievito
  • 1/4 teaspoon bicarbonato di sodio
  • 1 uovo
  • 150 gr yogurt intero
  • 30 gr burro fuso
  • 100 gr prosciutto cotto in una fetta unica
  • 100 gr emmenthal in una fetta unica
  • 1 tablespoon erba cipollina

Istruzioni

  1. Tagliare a cubetti il prosciutto cotto e dividere la quantità in due parti (2/3 e 1/3 circa); tritare più finemente il terzo del prosciutto, che servirà da guarnizione.
  2. Procedere nello stesso modo col formaggio.
  3. In una ciotola versare farina, sale, lievito e bicarbonato e mescolare un poco.
  4. In un’altra ciotola sbattere leggermente l’uovo, poi unire yogurt e burro fuso; lavorare delicatamente con una frusta.
  5. Aggiungere al composto l’erba cipollina tritata e i 2/3 di prosciutto e formaggio e mescolare.
  6. Versare in questo mix gli ingredienti secchi, in due volte, e mescolare piano con un cucchiaio finchè la farina verrà assorbita.
  7. Riempire sei pirottini con il composto e cospargere la superficie col prosciutto e formaggio rimasto.
  8. Infornare in forno preriscaldato ventilato a 190° per 15/17 minuti.

Note

Il segreto per ottenere muffins soffici e umidi all’interno ma con la crosticina in superficie, è lavorare il composto il meno possibile, dividendo gli ingredienti secchi da quelli umidi.

Nessun commento »

No comments yet.

RSS feed per i commenti di questo post. TrackBack URL

Leave a comment




Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar Custom avatar